CampoLibero. Credito d'imposta promosso dal MIPAAF per innovazione reti d impresa e e commerce agroalimentare.
20/02/2017

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale i decreti interministeriali relativi al credito d'imposta per l'e-commerce di prodotti agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura e per le nuove reti d'impresa di produzione alimentare.

Soggetti beneficiari

Sono ammissibili all'agevolazione i seguenti soggetti, siano essi persone fisiche o persone giuridiche, le singole imprese, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi, aderenti ad un contratto di rete gia' costituito al momento della presentazione della domanda,titolari di reddito di impresa o di reddito agrario:

v  imprese, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi, che producono prodotti agricoli, della pesca e dell'acquacoltura;

v  piccole e medie imprese che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi.

Le aggregazioni devono essere formate, pena l'inammissibilità', da più imprese fra loro indipendenti.

Tipologia di investimenti ammissibili

Realizzazione e l'ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico

Sono agevolabili le spese sostenute dai soggetti, per la realizzazione e l'ampliamento di infrastrutture informatiche esclusivamente finalizzate all'avvio e allo sviluppo del commercio elettronico, relative a:

v  adotazioni tecnologiche;

v  software;

v  progettazione e implementazione;

v  sviluppo database e sistemi di sicurezza.

Sono ammissibili all'agevolazione i nuovi investimenti realizzati, dopo l'entrata in vigore del presente decreto, a decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2014 e nei due successivi.

Nuovi investimenti sostenuti per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie, nonche' per la cooperazione di filiera, nell'ambito di reti di imprese che producono prodotti agricoli, della pesca e dell'acquacoltura

Sono agevolabili le seguenti spese per nuovi investimenti, compresi in un programma comune di rete, per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie, nonche' per la cooperazione di filiera:

v  costi per attivita' di consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni all'aggregazione in rete, per la costituzione della rete, per la redazione del programma di rete e sviluppo del progetto;

v  costi in attivi materiali per la costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili e per l'acquisto di materiali e attrezzature;

v  costi per tecnologie e strumentazioni hardware e software funzionali al progetto di aggregazione in rete;

v  costi di ricerca e sperimentazione;

v  costi per l'acquisizione di brevetti, licenze, diritti d'autore e marchi commerciali;

v  costi per la formazione dei titolari d'azienda e del personale dipendente impiegato nelle attivita' di progetto;

v  costi per la promozione sul territorio nazionale e sui mercati internazionali dei prodotti della filiera;

v  costi per la comunicazione e la pubblicita' riferiti alle attivita' della rete.

v  Sono ammissibili all'agevolazione i nuovi investimenti realizzati, dopo l'entrata in vigore del presente decreto, a decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2014 e nei due successivi.

Entità e forma dell'agevolazione

Realizzazione e l'ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico

Il credito d'imposta compete, per ciascuno dei periodi d'imposta agevolabili, in funzione dell'attivita' prevalente effettivamente svolta e dichiarata ai fini IVA e delle dimensioni dell'impresa:

v  nella misura del 40% e nel limite di 50.000 euro dell'importo degli investimenti, per le piccole e medie imprese operanti nella produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

v  nella misura del 40 per cento e nel limite di 50.000 euro dell'importo degli investimenti, per le piccole e medie imprese per le quali non ricorrano le condizioni di cui alla lettera a) e per le imprese diverse dalle piccole e medie imprese;

v  nella misura del 40% e nel limite di 15.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari dell'importo degli investimenti per le piccole e medie imprese per le quali non ricorrano le condizioni di cui alla lettera a) e per le imprese diverse dalle piccole e medie imprese;

v  nella misura del 40% e nel limite di 30.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari dell'importo degli investimenti per le piccole e medie imprese e per le imprese diverse dalle piccole e medie imprese;

v  nella misura del 40% e nel limite di 50.000 euro dell'importo degli investimenti realizzati per le piccole e medie imprese che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura;

v  nella misura del 20 % e del 10 % e nel limite di 50.000 euro dell'importo degli investimenti realizzati in ciascuno dei periodi, rispettivamente per le piccole imprese e per le medie imprese che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura.

Nuovi investimenti sostenuti per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie, nonche' per la cooperazione di filiera, nell'ambito di reti di imprese che producono prodotti agricoli, della pesca e dell'acquacoltura

Il credito d'imposta compete, per ciascuno dei periodi d'imposta agevolabili, in funzione dell'attivita' prevalente effettivamente svolta e dichiarata ai fini IVA e delle dimensioni dell'impresa: 

v  nella misura del 40% e nel limite di 400.000 euro dell'importo degli investimenti realizzati per le piccole e medie imprese operanti nella produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;

v  nella misura del 40% e nel limite di 200.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari dell'importo degli investimenti per le piccole e medie imprese per le quali non ricorrano le condizioni di cui alla lettera a) e per le imprese diverse dalle piccole e medie imprese;

v  nella misura del 40% e nel limite di 15.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari dell'importo degli investimenti  per le piccole e medie imprese per le quali non ricorrano le condizioni di cui alla lettera a) e per le imprese diverse dalle piccole e medie imprese;

v  nella misura del 40% e nel limite di 30.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari dell'importo degli investimenti per le piccole e medie imprese e per le imprese diverse dalle piccole e medie imprese;

v  nella misura del 40% e nel limite di 200.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari, dell'importo degli investimenti per le piccole e medie imprese che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura;

v  nella misura del 20% e del 10% e nel limite di 400.000 euro dell'importo degli investimenti rispettivamente per le piccole imprese e per le medie imprese che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura.

Scadenza

Dal 20 febbraio al 28 febbraio dell'anno successivo a quello di realizzazione degli investimenti, le imprese interessate presentano al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali apposita domanda per il riconoscimento del credito d'imposta, secondo modalita' telematiche definite con atto del Ministero entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del presente decreto ( GURI del 27 febbraio 2015).
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica annualmente, l'ammontare delle risorse disponibili, previa comunicazione da parte del Ministero dell'economia e delle finanze dell'importo delle risorse stanziate ed effettivamente disponibili.

Ultimi Eventi

08 Apr 2020 - 09 Apr 2021
12:00AM
Allegato 6